Pitahaya: vantaggi e le proprietà

05-06-2017 aquess Salute
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Il pitahaya è uno di quei rari frutti o conosciuto nel nostro paese. È anche noto con i nomi di warakko, pitaya, yaurero e pitajón, e consiste in un piante da frutto esotiche o tropicali appartenenti alla Cacti.

Ci sono due varietà commestibili del frutto stesso: specie gialle e rosse, anche se entrambi appartengono o provengono dalla stessa famiglia. E 'originaria del Messico, Colombia e America Centrale, in generale, in modo che a seconda della varietà, coltivate in entrambi i paesi: per esempio, la varietà rossa viene coltivata soprattutto in Nicaragua e Messico, mentre la varietà gialla è cresciuto in Colombia, Ecuador, Perù, Venezuela e Colombia.

Sia la varietà rossa come il giallo hanno forma ovoidale, sebbene la frutta rossa ha una crosta spessa con brattee e giallo ha una crosta di spine, essendo facilmente distinguibili.

proprietà nutrizionali del pitahaya

Dal punto di vista nutrizionale, la pitahaya pitaya o è un frutto che, pur essendo molto dolce ha un basso apporto calorico, grazie soprattutto al suo basso contenuto di carboidrati.

Se si è preso nota per il suo alto contenuto di vitamina C, un nutriente essenziale come il know ha un'azione antiossidante, aumenta la resistenza alle infezioni, ed è coinvolto nella formazione di ossa e denti, globuli rossi e collagene.

Vantaggi di pitahaya

Il frutto drago è un frutto a basso contenuto calorico, per cui il suo utilizzo è consigliato nelle diete. Inoltre, è ricco di vitamina C e altre sostanze nutritive, in modo che è anche raccomandato nei bambini e negli adolescenti di età per essere la crescita, ma anche negli atleti, le donne incinte e che allattano.

Essi contribuiscono a ridurre il rischio di malattie degenerative, le malattie cardiovascolari e il cancro. Inoltre, il suo utilizzo è raccomandato in caso di carenza di ferro, aumentando l'assorbimento di ferro dal cibo.

Tags

Alimentazione sana cibo
Articolo precedente Calorie da oli, grassi e salse
Articolo successivo Calorie da oli, grassi e salse