Letture cristiane per il funerale di un bambino o Cerimonia di omaggio

Questa grande varietà di scritture sia dal Vecchio e Nuovo Testamento è adatto per essere letto al funerale di vostro bambino o servizio commemorativo. Se queste scritture non ti adatti, certamente alcun passo delle Scritture che è significativo per voi sarebbe accettabile. E, ricordate, i funerali possono essere qualsiasi cosa la famiglia vorrebbe, quindi se c'è niente qui che ti parla, si potrebbe desiderare di provare la poesia secolare o passaggi per il servizio.

Queste selezioni sono stati tutti presi dal Revised Standard Version. Consultare il proprio sacerdote o un ministro per l'esatta formulazione che sarà disponibile a voi.

Matteo 18: 1-5, 10-14

In quel momento i discepoli si avvicinarono a Gesù, dicendo: "Chi è il più grande nel regno dei cieli?" E chiama a sé un bambino, lo pose in mezzo a loro e disse: "In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli. Perciò chiunque diventerà piccolo come questo bambino , lui è il più grande nel regno dei cieli. Chi accoglie uno di questi bambini nel mio nome, accoglie me"

"Vedi che non disprezzare uno solo di questi piccoli, perché vi dico che loro angeli nel cielo vedono sempre la faccia del Padre mio che è nei cieli Cosa pensi Se un uomo ha cento pecore e una di.? li ha sviati, egli non lascia le novantanove sui monti per andare in cerca di quello che è andato fuori strada?

E se gli riesce di trovarla, in verità vi dico, si rallegrerà per quella più che per le novantanove che non si erano smarrite. Quindi non è la volontà del Padre mio che è nei cieli che uno di questi piccoli perisca ".

Matteo 11: 25-30

In quel tempo Gesù dichiarò: "Io ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli, sì, Padre, perché così è piaciuto a te.

Tutte le cose sono state consegnate a me dal Padre mio; e nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia rivelare.

Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi darò riposo. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me; che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime. Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico è leggero ".

Marco 10: 13-16

E stavano portando i bambini a lui, perché li toccasse; ei discepoli li sgridavano. Ma Gesù, veduto ciò, s'indignò e disse loro: "Lasciate che i bambini vengano a me e non glielo impedite loro,. A chi è come loro appartiene il regno di Dio In verità, vi dico: Chi non accoglie il regno di Dio come un bambino, non entrerà esso." E li prese tra le braccia e li benediceva, ponendo le mani sopra di loro.

Romani 8:18, 28, 31-32, 35, 37-39

Io ritengo che le sofferenze del momento presente non sono paragonabili alla gloria futura che dovrà essere rivelata in noi.

Sappiamo che in tutto ciò che Dio concorre al bene di coloro che lo amano, che sono stati chiamati secondo il suo disegno. Che diremo dunque a questo? Se Dio è per noi, chi sarà contro di noi? Egli che non ha risparmiato il proprio Figlio, ma lo ha dato per tutti noi, come non ci donerà ogni cosa insieme con lui?

Chi ci separerà dall'amore di Cristo? Forse la tribolazione, l'angoscia, la persecuzione, la fame, la nudità, il pericolo, la spada? Ma in tutte queste cose noi siamo più che vincitori per virtù di colui che ci ha amati. Io sono infatti persuaso che né morte, né vita, né angeli, né principati, né presente né avvenire, né potenze, né altezza, né profondità, né alcun'altra creatura potrà mai separarci dal l'amore di Dio in Cristo Gesù, nostro Signore.

Romani 6: 3-9

Non sapete che tutti noi che sono stati battezzati in Cristo Gesù, siamo stati battezzati nella sua morte? Siamo dunque stati sepolti con lui mediante il battesimo nella morte, perché come Cristo fu risuscitato dai morti per mezzo della gloria del Padre, così anche noi possiamo camminare in una vita nuova. Siamo dunque stati sepolti con lui mediante il battesimo nella morte, perché come Cristo fu risuscitato dai morti per mezzo della gloria del Padre, così anche noi possiamo camminare in una vita nuova.

Sappiamo che il nostro uomo vecchio è stato crocifisso con lui affinché il corpo del peccato fosse annullato, e noi non fossimo più schiavi del peccato. Per colui che è morto è libero dal peccato. Ma se siamo morti con Cristo, crediamo che anche vivremo con lui. Per noi sappiamo che Cristo risuscitato dai morti non muore più; la morte non ha più potere su di lui.

Romani 8: 14-23

Per tutti quelli che sono guidati dallo Spirito di Dio, costoro sono figli di Dio. E voi non avete ricevuto uno spirito da schiavi per ricadere nella paura, ma avete ricevuto uno spirito da figli adottivi. Quando noi gridiamo: "Abbà, Padre!" è lo Spirito stesso attesta al nostro spirito che siamo figli di Dio, e se siamo figli, siamo anche eredi: eredi di Dio, coeredi di Cristo, se veramente partecipiamo alle sue sofferenze per partecipare anche alla sua gloria.

Io ritengo che le sofferenze del momento presente non sono paragonabili alla gloria futura che dovrà essere rivelata in noi. La creazione stessa attende con impazienza la rivelazione dei figli di Dio; per la creazione è stata sottoposta alla vanità, non di sua propria volontà, ma dalla volontà di colui che l'ha sottomessa in speranza; perché la creazione stessa sarà liberata dalla schiavitù della corruzione per entrare nella libertà della gloria dei figli di Dio. Sappiamo che tutta la creazione geme nelle doglie del parto fino ad oggi; e non solo la creazione, ma anche noi, che possediamo le primizie dello Spirito, gemiamo interiormente aspettando l'adozione a figli, la redenzione del nostro corpo.

Saggezza 3: 1-9

Ma le anime dei giusti sono nelle mani di Dio, nessun tormento le toccherà. Agli occhi degli stolti parve che morissero, e la loro partenza è stato pensato per essere un afflizione, e la loro intenzione da noi per essere la loro distruzione; ma sono in pace. Perché anche se agli occhi degli uomini sono stati puniti, la loro speranza è piena di immortalità. Dopo essere stato un po 'disciplinato, che riceveranno grandi benefici, perché Dio li ha provati e li ha trovati degni di sé: come oro nel crogiuolo li provato, e come un olocausto li ha accettato.

Nel tempo del loro castigo si risplendere, e verrà eseguito come scintille attraverso le stoppie. Essi governeranno le nazioni e governare i popoli, e il Signore regnerà su di loro per sempre. Coloro che confidano in lui capirà la verità, ei fedeli si stia con lui nell'amore, perché grazia e misericordia sono su suoi eletti, e lui veglia su suoi santi.

Saggezza 4: 7-15

Ma l'uomo giusto, anche se muore presto, sarà a riposo. Per la vecchiaia non è la longevità di tempo, né si calcola dal numero di anni; ma la canizie per gli uomini, e una vita irreprensibile è tarda età. C'era uno che piacque a Dio e fu amato da lui, e mentre viveva fra peccatori, fu assunto. Fu rapito per non cambiare la sua comprensione del male o astuzia ingannano la sua anima. Per il fascino della malvagità oscura ciò che è buono, e il desiderio roving perverte la mente innocente.

Essendo perfezionato in breve tempo, ha compiuto lunghi anni; per la sua anima fu gradita al Signore, perciò egli lo prese rapidamente dal mezzo della malvagità. Eppure i popoli videro e non capivano, non prendono una cosa del genere a cuore, che la grazia e la misericordia di Dio sono per i suoi eletti, veglia sui suoi santi.

Isaia 65: 17-21

"Poiché, ecco, io creo nuovi cieli e una nuova terra, e le cose precedenti non si ricorderà più venuto in mente, ma gioisci, rallegrati per sempre in ciò che creo;. Poiché, ecco, io creo Gerusalemme una gioia, del suo popolo una gioia io gioirò di Gerusalemme, e lieto del mio popolo. non più deve essere sentito in essa voci di pianto e il grido di angoscia.

Non ci sarà più in essa un bimbo che viva solo pochi giorni, o un vecchio che non riempie le sue giornate, per il bambino morirà un centinaio di anni, e il peccatore di cento anni sarà considerato maledetto. Essi edificheranno case e le abiteranno; essi pianteranno vigne e ne mangeranno il frutto.

Geremia 31: 15-17

Così dice il Signore: "Una voce si ode da Rama, lamento e pianto amaro: Rachele piange i suoi figli, rifiuta d'essere consolata per i suoi figli, perché non sono.". Così dice il Signore:. "Abbassa la voce dal piangere, i tuoi occhi dalle lacrime, per il vostro lavoro sarà ricompensata, dice il Signore, ed essi tornare dal paese del nemico C'è speranza per il tuo futuro, dice il Signore, ei tuoi figli devono tornare al loro paese.

Geremia 1: 4-8

Ora la parola del Signore è venuto da me dicendo: "Prima di formarti nel grembo materno, ti conoscevo, prima che tu uscissi alla luce, ti avevo consacrato;. Ti ho stabilito profeta delle nazioni" Allora ho detto: "Ah, Signore Dio! Ecco, io non so parlare, perché sono giovane".

Ma il Signore mi disse: "Non dire,` io sono solo un ragazzo ';. Per per tutti coloro ai quali ti mando andrai, e che io vi comando si parlerò Non aver paura di loro, perché io sono con te per liberarti, dice il Signore."

Cantico dei Cantici 2: 10-13

Il mio amato parla e mi dice: "Alzati, amica mia, mia bella, e vieni via, perché ecco, l'inverno è passato, la pioggia è cessata e finiti i fiori sono apparsi nei campi, è giunto il momento del canto. ., e la voce della tortora si fa sentire nella nostra terra il fico mette fuori i suoi fichi, e le viti fiorite spandono fragranza Alzati, amica mia, mia bella, e vieni!..

2 Samuele 12: 16-23

Davide quindi pregò Dio per il bambino; e David digiunò, ed entrò e giacque tutta la notte a terra. E gli anziani della sua casa era accanto a lui, a sollevare lo da terra; ma egli non volle, e non ha mangiato cibo con loro. Il settimo giorno il bambino morì. E i servi di Davide temevano di fargli sapere che il bambino era morto; perché dicevano: "Ecco, mentre il bambino era ancora vivo, abbiamo parlato con lui, e lui non ci ascolta; come dunque possiamo dire a lui che il bambino è morto Egli può fare lui stesso un po 'di male?". Ma Davide, vedendo che i suoi servi bisbigliavano insieme, Davide comprese che il bambino era morto; e Davide disse ai suoi servi: "E 'morto il bambino?" Hanno detto: "E 'morto".

Poi Davide si alzò da terra, e si lavò, e si unse e cambiò le vesti; ed egli entrò nella casa del Signore, e adorò; poi è andato a casa sua; e quando ha chiesto, si misero cibo prima di lui, ed egli ne mangiò. Poi i suoi servi gli dissero: "Che cosa è questa cosa che avete fatto Voi digiunato e pianto per il bambino mentre era in vita,? Ma quando il bambino è morto, si alzarono e mangiato il cibo."

Egli disse: "Quando il bambino era ancora vivo, ho digiunato e pianto,? Perché dicevo: Chi sa se il Signore abbia pietà di me, che il bambino possa vivere' Ma ora è morto,? Perché dovrei digiunare Posso io farlo di nuovo Io andrò da lui, ma lui non ritornerà a me "?.

Lamentazioni 3: 17-26

La mia anima è privo di pace, ho dimenticato cosa sia la felicità; così dico, "Gone è la mia gloria e la mia aspettativa da parte del Signore." Ricorda la mia afflizione e la mia amarezza, l'assenzio e il fiele! La mia anima pensa continuamente di essa e si prostrò dentro di me. Ma questo mi richiamare alla mente, e quindi ho speranza: La grazia del Signore non cessa mai, le sue misericordie mai giunta al termine; che si rinnovano ogni mattina; grande è la tua fedeltà.

"Il Signore è la mia parte", dice l'anima mia, "perciò spererò in lui." Buono è il Signore a coloro che sperano in lui, per l'anima che lo cerca. E 'bene che si dovrebbe aspettare in silenzio la salvezza del Signore.

Articolo successivo Costole rotte