Tantrico Amore Parte 2

A dire il vero non so esattamente quanto tempo il yoga pone, in qualche momento durante la mia resa perdo tempo, siamo seduti insieme in un vuoto, in una bolla trasparente energica, isolata dal resto del mondo. Un mondo in cui le leggi del tempo e dello spazio si applicano, ma dove noi non apparteniamo.

Dopo l'ultima posizione yoga Tom premette un bacio sulla fronte e mi mette dolcemente sulla schiena. Mi sento eccitato e direzione d'orchestra con la mano sinistra, il suo volto al mio seno. Lui la ignora e pianta un bacio proprio tra di loro. Poi fa il suo modo di baciare la mia pancia e poi lecca delicatamente il mio ombelico. Sto disegnando un brivido attraverso il mio corpo e ho notato che il mio respiro è più veloce. Comincio a gemere e non metto la mia fianchi ma Tom si spinge indietro. Poi mette le sue braccia intorno alla vita e mi rialzare, quindi mi sedersi sulle sue ginocchia. Ci guardiamo negli occhi di ciascuno e senza quello che dice Tom, accenna. Vuole dirmi qualcosa. Ho capito, so cosa vuole dire: non abbiamo il sesso. Almeno, non come facevo. Vuole che tenere per me e io non lo si perde, devo tornare al mio respiro. Faccio il mio respiro profondamente, si sentono come ottenere me stesso ciotola e un profondo senso di esperienza calma. Tom accarezza dolcemente sulla schiena, mentre io ancora respirare tranquillamente. Passano i minuti fino a quando ho notato che non sento il mio corpo più e diventare pura consapevolezza. Medito, medito con un uomo, i nostri corpi nudi si chiudono insieme. Tom mi solleva di nuovo dopo qualche tempo e mi mette sullo stomaco. Bacia e si lecca la mia schiena e mi ritrovo di nuovo eccitato toccare il mio respiro è di nuovo più veloce e mi metto a gemere di nuovo. Lentamente si muove la bocca per la mia natica destra, pieno di aspettative trattengo il fiato .... Pochi secondi dopo si morde il sedere. Che fa male! Con uno shock torno nel qui e ora e questo è esattamente quello che Tom. mi dono a lui via del ritorno quando si tratta di Tantra voi in ogni momento rimanere con te stesso. E il modo più semplice per mantenere se stessi è una respirazione cosciente costante.

Mi giro e respirare profondamente per rilassarsi nella mia pancia. Tom è passato che ho capito la lezione e che troverà il tempo per la mia ricompensa. Una ricompensa consapevole. Cautamente si tira fuori le mie mutandine e quando mi sento come la sua lingua tra le mie gambe. Respiro dentro e fuori, ancora e poi ancora. Ancora e ancora e ancora e ancora, che è ancora in me, molto tranquilla. Non ci sono più pensieri, posso andare solo su quello che sento. Così, vengo preparato in modo diverso rispetto al solito. L'orgasmo che Tom dà me motivo nessuna esplosione, ma implosione. Non mi ha preso a livelli senza precedenti di euforia, ma la profondità di me stesso. In un profondo, senso interiore di pace e tranquillità. Ci vuole molto, molto tempo prima che le onde del mio orgasmo ebbing lentamente e battito tattile del mio cuore annega nuovo le contrazioni del mio utero. Silenziosamente ringrazio Tom, esprimo la mia gratitudine a lui, l'uomo che mi ha insegnato che cosa è il sesso Divino e con i quali ho scoprire che c'è un altro modo al di fuori della sofferenza consapevole è quello di crescere internamente. E questo è il modo per godere cosciente.

Quando sono di nuovo viaggio di ritorno a casa alla fine del pomeriggio, ho ancora musa di essere con Tom. Vengo alla realizzazione che Tantra si verifica a ondate, come le maree, inspirare ed espirare, l'interazione sociale e completa il coraggio di stare da solo. Tantra è fusione consapevole e quindi rilasciarlo deliberatamente, fino a quando si presenta la prossima riunione ....
Sì, assaporando consapevolmente, ma quando l'obiettivo è quello di godere di tornare alla base. E questa base è l'Orenda, la nostra essenza spirituale, la fiamma eterna di amore che tutti portiamo dentro di noi. E come Tantra mi ricorda c'è più e più volte che siamo sulla terra a pieno contatto dalla nostra umanità di nuovo con la luce divina che risplende in noi; l'effettiva realizzazione che siamo parte di Dio.