Non si conosce l"origine del tè nero?

Molti cibi, piatti e bevande che consumiamo senza origine mai si sono chiesti, dove sono venuti, chi "scoperto" o chi è stato il primo ad avere l'idea di preparare un po 'di cibo in questo o in quel modo. In questo caso, mi chiedevo dove l'abitudine di preparare e bere uno dei tè più conosciuto, il tè nero proviene, e ho trovato la seguente storia.

In primo luogo dobbiamo ricordare che la pianta del tè è autentico sud-est asiatico e consumata in Cina per migliaia di anni: ha la documentazione che parla di 2.800 aC. Secondo la leggenda, lì per l'anno 2737, che era allora l'imperatore del paese, Sheng Nung scoperto "per caso" che questa pianta potrebbe bere.

A quanto pare, l'imperatore era abituato alla pratica della fitoterapia per scopi igienico-sanitari, e anche bere acqua bollita, ha detto per purificarsi. Anche lui richiesto ai suoi sudditi di tuviesen anche la cura per se stessi.

La storia racconta poi che un giorno mentre ero in una foresta, seduto sotto un albero del tè selvatico e aspettato per l'acqua raggiungerà il suo punto di ebollizione, assistito come foglie secche della pianta è sceso, per caso, nella vostra imbarcazione e così ha scoperto che poteva preparare unasabrosa e tè confortante con loro.

Sembra che per lungo tempo i cinesi mantenuto il segreto di questa preparazione fino a quando i suoi viaggi successivi in ​​Giappone e Corea, ha preso con sé la ricetta e, con il passare degli anni, sono state espandendo l'abitudine di bere il tè tra le diverse comunità.

Ad esempio, è noto anche che i monaci buddisti ha acquisito l'abitudine di bere il tè e adottato come componente del loro rituale. E 'che il tè è considerato da molte culture come sinonimo di pace, armonia, tranquillità, purezza e igiene domestica.

Basta che era a metà del XVII secolo, che il tè è venuto in Europa e, a poco a poco, si è saputo, soprattutto in paesi come l'Inghilterra e la Russia. In ogni caso, in quanto il prezzo era alto ed è stato consumato per lo più dall'aristocrazia, non è stato fino alla fine del XVIII secolo, che "popolare".