Che cosa possiamo imparare da depressione e ansia scimmie cani?

Può un gatto che soffre di depressione? O un cavallo mordere se stesso perché si sente solo? O un pesce passare per paura?

La depressione negli animali.

La risposta in ogni caso è sì. Molte delle malattie che affliggono gli animali, sia fisica che mentale, sono gli stessi che colpiscono l'uomo e rispondere, in molti casi, le stesse cause, secondo i due ricercatori negli Stati Uniti.

Barbara Natterson-Horowitz, un professore di cardiologia presso l'Università della California, Los Angeles, e lo scrittore Kahtryn Bowers sono di un libro nuovo dettaglio comune a malattie animali e umane gli autori e le modalità con cui gli esperti in entrambi i campi possono beneficiare un lavoro comune.
L'opera è intitolata "Zoobicuidad, quali animali possono insegnarci sulla salute e la scienza della guarigione" (Zoobiquity: Quali animali possono insegnarci sulla Salute e la scienza della guarigione).

I ricercatori ritengono che i veterinari e medici dovrebbero cooperare strettamente e addirittura creato un termine per questo nuovo campo di ricerca: "zoobicuidad".
"Il melanoma viene diagnosticato in una varietà di specie, dai pinguini a bufali. Ho anche scoperto che oche, gorilla e le guarnizioni possono soffrire di depressione e alcuni cani hanno la tendenza ad ansia "

"Come medico ho sempre visto molte malattie diverse, ma anche di tanto in tanto ha lavorato come consulente nello zoo di Los Angeles," Natterson-Horowitz ha detto in un particolare per il quotidiano americano The New York Times colonna scritta.
In un'occasione, scientifica deve esaminare una scimmia con problemi di cuore e di un veterinario lo ha avvertito di non guardare l'animale negli occhi perché poteva prendere dal panico e soffrono di insufficienza cardiaca.
"I casi osservati dai veterinari sono stati molto simili a quelli trattati dai miei colleghi medici. Incuriosito da questo ha cominciato a prendere appunti di ogni caso ho visto in ospedale e per cercare correlazioni negli studi veterinari. Ho cominciato a chiedermi, ad esempio, come gli animali soffrono di cancro al seno?, Attacchi al cuore indotta da stress? Come tumori cerebrali e svenimento? E in ogni caso, la risposta era sempre sì ".

Depressione e picoteos

note Natterson-Horowitz, ad esempio, il melanoma è stata diagnosticata in una varietà di specie, dai pinguini a bufali.

Potrebbe il comportamento dei pappagalli contribuire a trattare le dipendenze negli esseri umani?
"Ho anche scoperto che oche, gorilla e le guarnizioni possono soffrire di depressione quando perdono una persona cara e alcuni cani hanno la tendenza ad ansia."

Alcuni uccelli, per esempio, può essere tirato piume e si beccano se sono lasciati in completa solitudine. "Forse un se stesso paziente umano bruciature di sigaretta inflitte potrebbe migliorare se il terapeuta di consultare un esperto nel trattamento dei pappagalli pizzicare le piume", lo scienziato nella sua rubrica.

"E un fatto che potrebbe essere importante per il trattamento delle dipendenze è che alcune specie di animali, dagli uccelli agli elefanti consumano piante con sostanze allucinogene che sembrano offrire intense esperienze sensoriali".

"Sempre più ho cominciato a chiedermi, potrebbe beneficiare di scambio di informazioni mediche con i veterinari?", Ha detto Natterson-Horowitz.

"Tale cooperazione esistita in passato. Uno o due secoli fa, in alcune comunità rurali, sia gli animali e gli esseri umani sono stati trattati dallo stesso terapeuta. Ed entrambi medici e veterinari citano un medico del XIX secolo, William Osker, come uno dei fondatori dei loro campi. Ma nel XIX secolo medicina umana e animale hanno cominciato a diffondersi, quando a causa di urbanizzazione meno persone hanno avuto contatto con gli animali. "

Gli autori notano che soprattutto nel caso degli scimpanzé, con cui gli esseri umani condividono il 98,6% del loro genoma, le somiglianze avrebbero dovuto ricevere più attenzione da parte di esperti.
In uno studio pubblicato nel 2011, Lucy Birkett e colleghi presso l'Università di Kent, in Inghilterra, ha osservato negli scimpanzé negli zoo una serie di comportamenti anomali associati alla mancanza di stimoli e il confinamento in cattività. Essi hanno rilevato, ad esempio, gli animali "mangiare il proprio sgabello, colpendo la testa contro un oggetto, tirare i capelli, mordere e commettere altre forme di auto-mutilazione".

adolescenti

Gli autori fanno notare che è il momento di ristabilire la cooperazione tra esperti di entrambi i campi.

Natterson-Horowitz: "Il tipico adolescente della classe media è un po 'come un cavallo che soffre di essere soli nella sua stalla".

"Il tipico adolescente della classe media è un po 'come un cavallo che soffre di essere soli nella sua stalla, con un sacco di tempo in più e alcune sfide. Caregivers negli zoo esplorano animali causa di cibo per evitare la noia. Possiamo provare che gli adolescenti a volte crescono e preparare il proprio cibo, attività che potrebbe dare calma e un senso di scopo? ", Dice Natterson-Horowits nel libro.

Gli esseri umani condividono anche con gli animali acicalarnos costrizione, un'abitudine che "si è evoluto nel corso di milioni di anni e ci unisce socialmente."

Secondo il ricercatore sottolinea nel suo libro "la nostra connessione essenziale per il corpo che vanno dal comportamento animale, da quello psicologico al sociale. E questa è una chiamata ad entrambi medici e pazienti si uniscono i veterinari in un nuovo modo di pensare che vede oltre letti d'ospedale alle stalle, i campi, gli oceani e cieli dove gli animali vivono ".